MONITOR AUTOSTEREOSCOPICI

Esistono tanti metodi per ottenere un effetto stereoscopico, ma in quasi tutti i casi occorrono sempre due immagini da unire con varie tecniche. Quello che ci permette di vedere coi nostri occhi una scena con profondità piuttosto che piatta come su uno schermo deriva dal fatto che gli occhi vedono la stessa scena da due posizioni differenti, il cervello unisce queste due immagini ed elabora la profondità. Semplicemente, sovrapponendo le due immagini, se un oggetto è nella stessa posizione in entrambe le immagini vuol dire che l'oggetto è lontano, piu un oggetto è scostato nelle due immagini più è vicino, questo perché, se ad esempio fotografate un paesaggio, vi spostate di un metro e lo fotografate nuovamente, dopo aver sovrapposto le immagini, noterete che gli oggetti in lontananza saranno immutati nella posizione, mentre gli oggetti vicini, che prima comparivano a destra dell'immagine ora compaiono a sinistra. Per questo un oggetto più si sposta nelle due immagini più è vicino, e questo permette di creare una visione con profondità.

I Display Autostereoscopici.

I Display Autostereoscopici, lo dice il nome stesso, sono display che ricostruiscono una visione stereoscopica senza bisogno di alcun occhiale. La cosa interessante è che questi display, tipicamente di tipo LCD, possono funzionare sia in modalità 3D che 2D. In pratica immaginatevi di poter analizzare un progetto, di qualsiasi natura esso sia e di poter attivare una perfetta visione 3D direttamente guardando il monitor, senza l'ausilio (e l'ingombro) di nessun tipo di occhiali.

 
© 2012 Sesto Senso  |    Privacy