SALE VIRTUALI

La necessità di ricreare un ambiente di lavoro che permetta tramite una proiezione stereoscopica la visualizzazione il più realista possibile del progetto su cui si sta lavorando, permette di ridurre i tempi di progettazione e attraverso la simulazione virtuale di saltare alcuni passaggi fisici. L'analisi di un progetto in tutte le sue fasi permette di visualizzare, anche in scala reale, le matematiche e i rilievi dei modelli.Ogni spazio dev'essere gestito non solo sotto il profilo della giusta soluzione proiezione/schermo ma anche illuminazione, arredamento giocano un ruolo importante in un progetto in cui creare un proprio momento conoscitivo ed emozionale. Queste le possibili soluzioni: proiezione stereoscopica su grande schermo, proeizione su schermi multipli, sistemi cave, proiezione con configurazione cilindrica, sistema immersivo su calotta sferica, soluzioni customizzate su specifiche esigenze del cliente.

Sistemi con stereoscopia attiva
Il filtro di separazione tra immagine destra e immagine sinistra avviene indossando degli occhiali speciali che incorporano degli otturatori LCD pilotati tramite interfaccia IR e sincronizzati con il proiettore.
Quando il proiettore visualizza l'immagine sinistra l'otturatore destro viene chiuso e vice versa.


Sistemi con tecnologia Infitec
Infitec è la tecnologia di visualizzazione stereoscopica all'avanguardia. Permette una migliore separazione dei canali stereo aumentando la libertà di movimento dello spettatore. All'interno dei proiettori viene installato un filtro ottico che separa lo spettro di colore in due parti: una per ciascun occhio.
Infine vengono utilizzati degli occhiali compatibili con la tecnologia Infitec ottenendo così il perfetto filtraggio tra immagine per l'occhio destro e immagine per l'occhio sinistro.


Sistemi con stereoscopia passiva
Sono basati sul principio della polarizzazione della luce, lo spettatore indossa un paio di occhiali contenenti due filtri con polarizzazione opposta, uno per la sinistra e uno per la destra. I proiettori contengono un filtro polarizzante, l'immagine polarizzata per l'occhio destro viene filtrata dagli occhiali che ne rendono possibile la visualizzazione solo attraverso la lente destra. Analogamente avviene per l'immagine di sinistra.

Autostereoscopia
L' autostereoscopia consiste in una ripresa e successiva restituzione effettuata in analogia al sistema binoculare umano. Partendo da una realizzazione di due immagini diverse da due punti di vista diversi posti però sullo stesso asse e opportunamente scostati, e riproporle correttamente ciascuna immagine per entrambi gli occhi senza l'utilizzo di alcun occhiale. In questo modo si è in grado di rilevare profondità e volumi grazie alla contemporanea visione delle due immagini e sincronizzate dal nostro cervello ricostruendo un'immagine tridimensionale.

 
© 2012 Sesto Senso  |    Privacy